Musica

Avete mai pensato che ognuno di noi ha la sua personale melodia da diffondere e portare nel mondo, intrecciandosi a una moltitudine di melodie differenti ma ugualmente splendide e uniche? E sapete che le cellule del nostro corpo, ogni singola cellula del nostro corpo funziona esattamente allo stesso modo? Siamo musica: la perfetta fusione di scienza, musica e arte. Emiliano Toso, biologo e compositore con il suo pianoforte accordato a 432hz, sa far risuonare in noi antiche e innate emozioni.

Sei pronto a sentirti Musica? Translational Music è la modalità per tradurre emozioni vissute a livello profondo, cellulare, in un piano più alto, quella della musica. Grazie alla risonanza queste vibrazioni si diffondono in modo più veloce, universale e naturale fino a raggiungere altre cellule, altre persone, l’umanità intera; donando benessere e migliorando la cooperazione per riavvicinarci alla nostra Anima. Presente in scuole ed ospedali di tutto il mondo come integrazione ad attività didattiche e terapeutiche (nascita, chirurgia, oncologia, psichiatria, malattie neurodegenerative) Translational Music viene utilizzata da migliaia di persone per promuovere benessere, salute e creatività, accompagnando il lavoro di terapeuti e grandi ricercatori internazionali quali Bruce Lipton, Gregg Braden, il Dott. Franco Berrino e la Dott.ssa Daniela Lucangeli.

Desidero condividere con voi un brano che amo molto.

https://youtube.com/watch?v=LAKFMkJNj5g&feature=share

Il counseling, un dialogo gentile

Come si fa a parlare con il cuore?

Come comunicare in maniera benefica per se stessi e gli altri?

In che modo calmare e superare i conflitti? 

Parlare con il cuore non è un vezzo poetico, ci spiega Marco Ferrini: è andare al centro di noi stessi, vedere ciò che frammenta il nostro rapporto con gli altri e migliorarlo; è sperimentare le regole d’oro della comunicazione empatica in ogni relazione.

Di quali regole si tratta?

Come iniziare ad avere una comunicazione di qualità con se stessi e gli altri che possa diventare il nostro stile di vita?

Cosa possiamo fare per risvegliare dentro di noi un linguaggio che ci unisca cuore a cuore, che sia veritiero, piacevole e benefico? Attraverso un processo in 4 steps – attenzione, curiosità, interesse e desiderio – Marco Ferrini ci mette a disposizione conoscenze e strumenti che ci aiuteranno ad esprimere i nostri bisogni senza suscitare ostilità, ad ascoltare e comprendere l’altro fino in fondo, ad edificare autentiche relazioni d’amore.

Conferenza tenuta a Milano: Le Regole d’Oro per Imparare a Parlare con il Cuore

Mandala

Colorare i mandala è una pratica di meditazione molto piacevole che possono eseguire proprio tutti, inclusi i bambini. Potrai constatare una rinnovata calma interiore poiché la colorazione dei cerchi universali è in grado di alleviare lo stress, eliminare le preoccupazioni e lasciar fluire liberamente tutta la creatività.

Per poter meditare attivamente con i mandala non avrai bisogno di essere un artista né un talentuoso illustratore: ti basterà iniziare a colorare per lasciarti trasportare in un meraviglioso viaggio che dai bordi più esterni ti condurrà al centro di te stesso.

I pappagalli amano le coccole

Sapevate che anche i pappagalli come cani e gatti, amano le coccole? Per me è stata una piacevolissima sorpresa incontrare un pappagallino inseparabile e vedere quanto sia affettuoso; in realtà credo che tanti altri animali come i maiali, le mucche, i vitelli…lo siano altrettanto, solo che purtroppo non sempre hanno la possibilità di dimostrarlo e di vivere la loro affettuosità.

Emozioni e volontà

L’essere umano si avvicina alla sua natura divina quando ama, quando la sua volontà, pensieri, parole e azioni sono allineati e in comunione di intenti (Fabio Marchesi)

Questa citazione di Fabio Marchesi, mi ha ispirato ad esplorare il tema delle emozioni. Le emozioni sono una parte di noi, fanno parte del nostro vissuto, della nostra intimità, al punto che, non di rado ci identifichiamo talmente con ciò che proviamo, da divenirne la manifestazione vivente, per cui diventiamo “arrabbiati” anziché provare semplicemente rabbia, o “depressi” anziché provare semplicemente tristezza e così via. Identificarsi con un’emozione significa darle forza, fino al punto di non averne più alcuna possibilità di gestione, ma in realtà noi siamo qualcosa di più delle nostre emozioni ed abbiamo il potere di gestirle e orientarle secondo il nostro criterio di scelta. Ma vogliamo osservarle un po’ più da vicino queste emozioni? In parole semplici, un’emozione è un’energia prorompente che scaturisce dall’impulso che il nostro sistema psichico riceve da una causa scatenante che può essere esterna a noi, per esempio un’esperienza, un avvenimento, o interna come ad esempio un ricordo o un’immagine che ci sovviene. Questo impulso va ad innescare una serie di reazioni all’interno del nostro sistema psichico che elaborato lo stimolo ricevuto, ne ricava un’emozione corrispondente e la invia a sua volta sotto forma di impulsi elettrici, al nostro corpo fisico, scatenando tutte quelle reazioni fisiche che conosciamo molto bene: battito accelerato, lacrime, nodo alla gola, sensazione di calore al volto, pelle d’oca ecc. ecc. Se riusciamo a comprendere che noi non siamo le nostre emozioni, possiamo creare una distanza tra noi e ciò che proviamo, come fossimo un testimone esterno che osserva in modo distaccato, e proprio grazie a questa distanza, analizzare, valutare e se necessario armonizzare questa energia che ci investe all’improvviso sperimentandola in modo consapevole e orientandola in modo costruttivo ed evolutivo. In questo senso noi diveniamo davvero padroni di noi stessi e possiamo allineare e creare una comunione di intenti, uno scopo verso il quale indirizzare la nostra volontà, i nostri pensieri, le nostre parole e azioni in spirito di amore verso noi stessi e verso gli altri.